Videosorveglianza e riconoscimento biometrico: linee guida per il corretto trattamento dati

Fonte: CyberSecurity360

Il Comitato Europeo per la Protezione dei dati (EDPB) ha rilasciato le linee guida in materia di videosorveglianza che chiariscono il confine tra la liceità o meno di un trattamento di dati personali effettuato mediante sistemi di ripresa e forniscono indicazioni utili su come applicare il GDPR al trattamento di dati biometrici. Eccole in dettaglio.

Le nuove linee guida in materia di videosorveglianza rilasciate dal Comitato Europeo per la Protezione dei Dati (di seguito anche EDPB) – “Guidelines 3/2019 on processing of personal data through video devices – forniscono esempi concreti di situazioni in cui il trattamento di dati personali avviene tramite sistemi di registrazione audio e video.

Lo scopo delle linee guida è quello di chiarire il confine tra la liceità o meno di un trattamento di dati personali effettuato attraverso sistemi di ripresa, nonché quello di fornire indicazioni su come applicare il GDPR a tali trattamenti; confine che viene superato nel momento in cui lo strumento di ripresa incide e schiaccia in maniera preponderante e ingiustificata i diritti e le libertà degli interessati. Continua a leggere