Rapporto tra direttiva ePrivacy e GDPR: l’opinione dei Garanti Ue

tratto da Agenda Digitale

Nell’attesa dell’adozione del Regolamento e-privacy, oggetto di discussione in Unione Europea, l’European Data Protection Board (EDPB) ha adottato un’opinione che chiarisce il rapporto tra direttiva 2002/58/CE (cosiddetta “Direttiva e-Privacy”) e Regolamento 679/2016 (“GDPR“).

Ed invero, sebbene il campo di applicazione della Direttiva e-Privacy sia primariamente il settore delle comunicazioni elettroniche, la sua portata è ben più ampia, abbracciando anche trattamenti comuni a diverse tipologie di titolari, quali l’immagazzinamento di informazioni mediante cookie e l’invio di comunicazioni commerciali.
La sovrapposizione tra la generale normativa in materia di protezione dei dati personali, prima la direttiva 95/46/CE e attualmente il GDPR, e la direttiva e-Privacy è già emersa, d’altra parte, in disparati casi posti all’attenzione della Corte europea di giustizia, trai quali, i più recenti Planet49 (C 673-17) e Fashion ID (C-40/17).
Per questo motivo, il rapporto tra tali normative si è dimostrato centrale già nel primo anno di applicazione del GDPR.

leggi l’articolo completo