Privacy zero se Google si compra tutto: come difendersi

Fonte: AgendaDigitale

Difendere la propria privacy come utenti di Google – ossia utenti di internet – è sempre più difficile. Spesso si sottovaluta che sono state più di centoquaranta le società acquisite da Google nell’ultimo ventennio, oltre dieci solo negli ultimi due anni. Si tratta di un dato strabiliante che ha il pregio di confermare la continua crescita di Google non solo in termini di fatturato ma anche di know-how e patrimonio informativo.

Una tale concentrazione di dati di vario tipo, ottenuta anche attraverso acquisizioni, nelle mani di una sola azienda è di per sé una minaccia straordinaria per la privacy di ognuno di noi. Preoccupazione condivisa dall’European Data Protection Board (l’organo europeo istituzionale di riferimento), a quanto comunicato la scorsa settimana in merito alla fusione Google-Fitbit. “Si teme che l’eventuale ulteriore combinazione e accumulo di dati personali sensibili riguardanti le persone in Europa da parte di una grande azienda tecnologica potrebbe comportare un elevato livello di rischio per i diritti fondamentali alla privacy e alla protezione dei dati personali”, scrive. Continua a leggere