Privacy, anche gli Usa (a fatica) verso una legge e un’agenzia federale

Fonte: AgendaDigitale

Può sembrare strano oggi, dato il ritardo accumulato, ma gli Stati Uniti sono stati i primi ad aver isolato il diritto alla privacy. Nonostante infatti la privacy, intesa come “riservatezza”, sia un concetto innato e profondamente legato alla natura umana, la prima a riconoscerne l’importanza come espressione della persona e, in quanto tale, a reclamare la necessità di una protezione indipendente della stessa da un punto di vista legale, fu la dottrina nordamericana, nelle persone di Samuel D. Warren e Louis D. Brandeis.

Ci si chiede cosa penserebbero oggi i due studiosi della carenza nel loro sistema legislativo di una disciplina completa e globale volta a tutelare i dati riferibili alle persone fisiche, nonché di un’autorità specifica che sia deputata ad assicurarne l’applicazione.

Un ritardo che il governo americano sta tentando di colmare, ma con molta fatica, vista la complessità del tema, il diverso approccio rispetto alla Ue e i forti interessi delle aziende hi-tech. Continua a leggere