La startup della pubblicità che investe sul consenso informato

Fonte: Wired

“Se è gratis, il prodotto sei tu”, recita un vecchio adagio nato su internet. “Ed è esattamente così: per troppo tempo abbiamo mentito con l’idea che il web fosse gratuito. In futuro sceglieremo se pagare i contenuti con i nostri dati, come con la moneta tradizionale”. Ne è convinta Francesca Lerario, direttore Ogury Italia, adtech anglofrancese nata nel 2014 fra Parigi e Londra con un modello di pubblicità basato sull‘esplicito consenso degli utenti alla raccolta dati, fornito tramite l’apposito consent manager, ideato ben prima della General data protection regulation del 2018. Continua a leggere