La profilazione: quadro normativo e rischi correlati, per una corretta classificazione

Fonte: CyberSecurity360

Un trattamento imprudente delle informazioni riguardanti una persona fisica, sempre più frequentemente, può comportare dei rischi per i diritti e per le libertà della stessa: può risultare chiarificatore, in tal senso, un piccolo approfondimento relativo alla profilazione e ai rischi alla stessa connaturati.

Tale trattamento di dati personali viene definito dal GDPR all’art. 4 punto 4 come “qualsiasi forma di trattamento automatizzato di dati personali consistente nell’utilizzo di tali dati personali per valutare determinati aspetti personali relativi a una persona fisica, in particolare per analizzare o prevedere aspetti riguardanti il rendimento professionale, la situazione economica, la salute, le preferenze personali, gli interessi, l’affidabilità, il comportamento, l’ubicazione o gli spostamenti di detta persona fisica”. Continua a leggere