Il GDPR e la “regola” del numero 250: best practice per un corretto adeguamento alla normativa

Fonte: CyberSecurity360

A quasi due anni dalla piena applicabilità del Regolamento europeo sulla protezione dei dati, ci sono ancora i presupporti per redigere lo “stupidario del GDPR”, ossia una raccolta di tutte le più fantasiose e a volte funamboliche interpretazioni che sul tema si sono finora ripetute: a cominciare da quelle, assai ricorrenti, che ruotano intorno al “magico” numero 250.

Proviamo a fare un po’ di chiarezza. Continua a leggere