Il digitale in tutti luoghi d’Italia, ecco la missione: così AGID aiuta le PA a innovarsi

tratto da Agenda Digitale

Per agevolare concretamente le PA nel percorso di trasformazione digitale, AgID ha ripensato i modelli organizzativi con l’obiettivo di favorire una migliore gestione delle attività e degli interventi.

Vediamo quali sono gli strumenti operativi, le attività e le competenze che l’Agenzia per l’Italia digitale mette in campo per affiancare le amministrazioni in questo processo, la cui realizzazione concreta richiede necessariamente una strategia generale con un corretto setting delle priorità.

Fondamentali sono le competenze, che non si devono limitare all’ambito puramente tecnico, ma includere anche doti come l’attitudine alla gestione di progetti, la disponibilità a lavorare secondo criteri collaborativi e uno spirito imprenditoriale di gestione del rischio.

Spesso, infatti, si affronta il percorso di trasformazione digitale concentrandosi sulle tecnologie, dimenticando di investire nelle competenze organizzative, che rappresentano invece le chiavi di volta per garantire dei risultati effettivi.

L’Italia si è rivelata spesso particolarmente incline a cadere in questa trappola.

E’, però, un dato di fatto che se non preceduti da un’analisi dei processi e non accompagnati da una corretta alfabetizzazione culturale e da un cambio organizzativo, gli sforzi di introdurre il digitale nella PA spesso rischiano di non determinare un reale miglioramento nell’offerta dei servizi a cittadini ed imprese.

Questa lettura, per altro, è da tempo suffragata da numerose indagini nazionali ed europee e ha condotto al concetto di “maturità digitale”, che indica la misura in cui le tecnologie digitali hanno trasformato i processi di un’organizzazione, coinvolgendo talenti e innovando i modelli di servizio per i cittadini.

leggi l’articolo completo

This entry was posted in News and tagged , . Bookmark the permalink.