Il capitalismo digitale mette a rischio i diritti umani? Quali norme per una rete più sana

Fonte: AgendaDigitale

Bisogna giungere a processi di regolamentazione della rete condivisi, efficaci ma flessibili, adattabili alle realtà specifiche e al contempo seri ed equilibrati, a tutela di un sistema multistakeholders.

E’ un’esigenza e una sfida urgente del nostro secolo.

Il GDPR in particolare, ma anche tutto il compendio normativo legato al Digital Single Market, il Digital Service Act da ultimo, sono tra i più forti ed incoraggianti segnali a livello globale volti a regolare l’uso distorto dei dati da parte sia dei governi che del settore privato. Tuttavia, la loro efficacia a vantaggio dei diritti umani stenta a decollare. Continua a leggere