I ricercatori spiano i nostri tocchi sugli smartphone

tratto da Naked Security

I ricercatori hanno sperimentato un nuovo metodo per origliare cosa stiamo digitando sui nostri smartphone: ascoltano le interazioni tra le nostre dita e gli schermi.
In una ricerca che si chiama “Ascoltando il tuo tocco: un nuovo lato acustico afferente agli smartphone” alcuni ricercatori dell’universitĂ  di Cambridge hanno tentato di dimostrare che “Esiste un lato acustico delle digitazioni e un attacco può essere operato risalendo a che cosa l’utente stia digitando sulla tastiera virtuale del proprio smartphone o tablet.”

Nei loro test, hanno dimostrato abbastanza attendibilitĂ  nell’indovinare cosa gli utenti inserissero nei loro servizi accessibili da tastiera.

Secondo i ricercatori, quando un utente digita dei numeri o delle lettere sulle tastiere virtuali di uno smartphone, genera un’onda sonora che viaggia sia sulla superficie dello schermo, sia nell’aria. Il luogo dove si trova il dito dell’utente sullo schermo, distorce l’onda e il microfono presente sul device cattura la distorsione, permettendo ad un algoritmo di “ascoltare” cosa l’utente abbia digitato.

leggi l’articolo originale

This entry was posted in News and tagged , , . Bookmark the permalink.