GDPR, solo 2 sanzioni nell’Ue per la mancata nomina del DPO

Fonte: Key4Biz

Durante questi primi 20 mesi di applicazione del GDPR da parte delle società europee Labor Project ha rilevato due sole sanzioni riguardanti il Data Protection Officer emesse dalle Autorità Garanti UE. Scopriamo insieme i dettagli.

Nel primo caso il commissario federale tedesco per la protezione dei dati e la libertà di informazione (BfDI) ha punito un fornitore di telecomunicazioni locale. La società non ha ottemperato ai requisiti legali previsti dall’articolo 37 del GDPR per nominare il responsabile della protezione dei dati (Data Protection Officer – DPO) della società, nonostante le ripetute richieste da parte dell’Autorità stessa. L’importo dell’ammenda di € 10.000 è stato definito in considerazione dal fatto che si tratta di una società appartenente alla categoria delle microimprese.

Nel secondo caso la sanzione è stata invece comminata dall’Autorità Garante austriaca (DSB) e ammonta a € 50.000. Continua a leggere