GDPR, che si intende per dati personali: natura, tipologie e qualità dei dati sensibili

Fonte: AgendaDigitale

Una delle maggiori trasformazioni realizzata negli ultimi anni nell’Unione Europea (UE) è stata la recente adozione del Regolamento Europeo 679/2016 per la Protezione dei Dati Personali (nella versione inglese noto come GDPR – General Data Protection Regulation) che troverà piena applicazione a decorrere dal 25 maggio 2018.

Esso tenta di dare pari dignità ai diritti degli individui che intendano proteggere i propri Dati Personali in tutta l’UE in modo omogeneo. In questa direzionedispone anche la realizzazione del Principio dello Sportello Unico (One Stop Shop), secondo cui, quando l’elaborazione dei dati personali avviene in più di un Paese membro dell’UE, la competenza del controllo delle attività dell’organizzazione che elabora e gestisce (controller e processor) i dati dell’utente in tutta l’UE spetta a una singola Autorità di supervisione (non a caso definita Leading Authority), che ha il potere di prendere le eventuali decisioni correlate. Vale la pena sottolineare che in Italia, come in altri Paesi, si è provveduto a ridefinire il ruolo del Garante Privacy rafforzandone la struttura, identificandone i poteri ed i controlli da realizzare all’interno di quella che è stata poi rinominata Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali.

Quest’ultima, tra le altre cose, ha realizzato anche una guida[1] in grado di tener presente, da un lato, dell’evoluzione della riflessione a livello nazionale ed europeo e, dall’altro, di offrire opportune raccomandazioni specifiche suggerendole azioni che possono essere intraprese immediatamente in quanto fondate su disposizioni precise del regolamento che non lasciano spazi a interventi del legislatore nazionale (come invece avviene per altre norme del regolamento, in particolare quelle che disciplinano i trattamenti per finalità di interesse pubblico ovvero in ottemperanza a obblighi di legge)in rapporto a uno specifico titolare o responsabile del trattamento. Continua a leggere