False stringhe di consenso GDPR, che c’è da sapere sulla nuova frode nella pubblicità online

Fonte: CyberSecurity360

Quella delle false stringhe di consenso GDPR è la nuova tendenza delle frodi nella pubblicità online. L’hacking delle stringhe, infatti, può essere un modo relativamente semplice (ma illegale) di pubblicare più annunci personalizzati a dispetto del consenso fornito dagli utenti. Ecco tutto quello che c’è da sapere e quali possono essere gli scenari futuri per contrastare questo fenomeno.

Ma come è possibile che esista questo fenomeno criminale viste le pesanti sanzioni in gioco nel caso di violazioni al Regolamento europeo per la protezione dei dati personali (GDPR)? Come con qualsiasi tipo di frode, ci sono soldi da fare e basso rischio di essere scoperti. Continua a leggere