Dati e Mercati

da Corriere Informazioni

A chi spetta cosa è una domanda frequente, oltre all’ambito filosofico, anche nell’ambito dei dati personali. Chi può determinare le modalità di accesso alle informazioni che interessano un soggetto è un argomento all’ordine del giorno nel mondo della tecnologia contemporanea.
Sondaggi falsati, fake news, influencer più o meno manifesti, sono problematiche con le quali siamo portati ad interfacciarci quotidianamente.

Nel mondo della protezione dei dati personali e della loro protezione c’è spesso la contraddizione intrinseca tra protezione del consumatore e aumento dei flussi di cassa di gruppi più o meno grandi. Oggi, grazie all’implementazione di norme che proteggono i dati personali degli utilizzatori anche le logiche di mercato più anarchiche sono “contenute” per forza di cose.

“We allege that Facebook itself is the biggest violator of data misuse in the history of the software industry” ha dichiarato in una intervista alla CNN quest’estate, Ted Kramer, il proprietario dell’azienda Six4Three, che ha fatto causa a Facebook.

Non può Facebook determinare il successo o meno di una azienda autorizzando solo i suoi partner commerciali ad acquisire informazioni.

Il leitmotiv del GDPR tende a proteggere i consumatori anche da questi eventi. Leggi l’articolo completo