Dati digitali, ecco come il controllo può tornare nelle mani degli utenti

tratto da Agenda Digitale

Data Usage Control: tre paroline magiche per una grande promessa. Restituire il controllo dei dati agli utenti. Una chiave di volta cruciale, considerando che i dati digitali sono considerati l’oro nero del nuovo Millennio. E così, proprio come il petrolio, attirano anche energie negative: nelle mani sbagliate, i dati possono manipolare o polarizzare opinioni e causare danni. È quindi fondamentale proteggerli da utilizzi illeciti.

Non si può più rimandare. Ogni giorno svariati dispositivi (mobili e non) generano informazioni su di noi: dove siamo, cosa facciamo. Non solo lo smartphone che portiamo in tasca, ma anche le telecamere di sicurezza delle banche, l’automobile che usiamo tutti i giorni… Anche le nostre attività sui social media generano un’enorme quantità di dati su noi stessi.

Una ricerca ha dimostrato che bastano 10 like su Facebook per conoscerti meglio di un tuo collega, 70 di un coinquilino, 150 di un genitore o fratello e 300 del coniuge. Per questo motivo è fondamentale riuscire a controllare i nostri dati e l’utilizzo che ne viene fatto.

E’ quindi di fondamentale importanza capire quali informazioni vengono generate, chi le controlla, a chi vengono venduti, ma soprattutto come vengono salvati. Infatti dal “come” deriva chi o cosa ha il controllo sui dati.

leggi l’articolo completo