Cosa cambia nel consenso informato ai tempi del GDPR

Fonte: PsbPrivacyeSicurezza

Pochi comprendono davvero cosa accade dopo aver “cliccato” sul tasto “Accetto” dei siti web. Cerchiamo di far luce sui risvolti di un gesto apparentemente così innocente e banale.

A leggere il termine granulare viene da pensare a qualche farmaco antiacido, eppure il GDPR ha introdotto il concetto di consenso informato granulare consapevole. Per evitare sgradite sorprese è opportuno capire effettivamente cosa significa tale termine.
Per districarsi tra le maglie della normativa è necessario definire il concetto di consenso. Tale termine è collegato all’informativa privacy, che dovrebbe garantire ciascun utente in merito all’utilizzo dei propri dati personali da parte di società commerciali che li intercettano e che successivamente divengono in pratica “proprietari” di dati in origine strettamente personali. Continua a leggere