Controlli a distanza del lavoratore e diritto alla riservatezza: storia di un equilibrio difficile

Fonte: AgendaDigitale

L’effettività della normativa privacy ha sempre dovuto fare i conti, nel nostro ordinamento così come in molti altri, con un bilanciamento tutt’altro che semplice. Fra esigenze di riservatezza dell’interessato, da un lato, e facoltà derivanti dal nutrito numero di altri diritti che, a seconda della situazione concreta, trovano di volta in volta posto sull’altro piatto della bilancia.

La ricerca del giusto equilibrio fra diritti a rischio di collisione, oltre ad essere uno dei leitmotiv del nostro sistema giuridico, assume particolare importanza nell’ambito del rapporto di lavoro e specificamente, per quanto qui di interesse, con riferimento ai cosiddetti controlli a distanza. Continua a leggere