Banche dati del DNA: utili alla polizia, pericolose per la privacy: ecco perché

Fonte: AgendaDigitale

Le banche dati di Dna sono un fenomeno crescente, negli Stati Uniti. Da una parte, stanno dando nuovi strumenti alle forze dell’ordine per trovare criminali, con indagini di genetica forense, come confermato anche da eventi recenti. 

Dall’altra queste banche espongono però a numerosi rischi privacy riguardanti i nostri dati genetici, investendo i diritti e le libertà degli interessati. Ossia per coloro che sono i “proprietari” del DNA e del patrimonio informativo annesso e connesso.

Diversi sono stati, come vedremo, i casi di violazione dei database oltreoceano. Occupandoci della parte meramente normativa, esaminiamo quindi quali sono i “risvolti pratici” più recenti che hanno interessato il mondo delle banche dati dei DNA, e quali sono le principali normative che regolano il settore. Continua a leggere