Background check a prova di privacy, tutti i paletti del GDPR alle aziende

Fonte: AgendaDigitale

Il datore di lavoro punta spesso a ottenere il maggior numero di garanzie prima di ingaggiare un lavoratore nei propri siti produttivi, con il classico “background check”. Ma deve operare nel rispetto delle leggi, fra cui GDPR statuto dei lavoratoriche regolamentano dettagliatamente tutti i processi di background checking. Analizziamo il quadro d’insieme e gli aspetti critici. Continua a leggere