Attacco Luxottica: c’è stato furto di dati, la conferma

Fonte: Cybersecurity360

Luxottica ha subito sì una perdita di dati, dopo l’attacco del 20 settembre, ma non si tratta di dati europei e quindi non è implicata la norma GDPR sui data breach.

Cybersecurity360.it può confermare che Luxottica ha fornito questa versione dei fatti ai sindacati e dipendenti nei giorni scorsi, spiegando così la presenza sul Dark Web di circa 2 GB di dati pubblicati dal gruppo criminale Nefilim con riferimenti all’azienda, come comunicato in un post pubblicato su Twitter lo scorso 20 ottobre dall’esperto indipendente di sicurezza informatica conosciuto con il nickname di Odisseus.

In particolare, l’azienda ha spiegato che si tratta di dati di un server sudafricano, riguardante solo il mercato locale.

Leggi tutto