Assistenti digitali e privacy, le linee guida del Garante per un uso consapevole

Fonte: Key4Biz

Il Garante per la protezione dei dati personali ha diffuso i consigli per un uso consapevole degli assistenti digitali (smart assistant), i programmi che interpretano il linguaggio naturale tramite algoritmi di intelligenza artificiale. 

Questi programmi sono in grado di dialogare con gli esseri umani al fine di soddisfare diversi tipi di richieste (ad esempio: rispondere direttamente a  richieste di informazioni, fare ricerche su Internet, ricercare e indicare percorsi stradali, ecc.) o compiere determinate azioni (ad esempio: fare un acquisto online, regolare la temperatura o l’illuminazione di un’abitazione, chiudere o aprire serrature di case o automobili intelligenti, attivare elettrodomestici come la lavatrice, ecc.). Continua a leggere