Analisi social dei candidati all’assunzione: i limiti

tratto da cybersecurity360

Siamo ormai abituati a pensare che il grande fratello ci osservi e che nulla potrà essere cancellato dalle nostre pagine social.
Una foto scattata anni fa potrà ripercuotersi sulla nostra futura prospettiva di assunzione?

Ci sono dei limiti, secondo l’autorità europea in materia di privacy, secondo le linee guida delineate dal GDPR.

è fatto divieto al datore di lavoro, ai fini dell’assunzione, come nel corso dello svolgimento del rapporto di lavoro, di effettuare indagini, anche a mezzo di terzi, sulle opinioni politiche, religiose o sindacali del lavoratore, nonché su fatti non rilevanti ai fini della valutazione dell’attitudine professionale del lavoratore”

Ancora una volta GDPR significa tutele crescenti alla protezione dei dati personali, e soprattutto garanzie di diritto all’oblio.

leggi qui l’articolo completo