Al via le sanzioni in Europa per violazioni del GDPR

È di pochi giorni fa la notizia che le Autorità Garanti per la privacy di alcuni Paesi europei (diversi dall’Italia) hanno comminato le prime sanzioni per violazioni della nuova normativa sulla Data Protection.

Le sanzioni sono rilevanti. Si va dai 4 mila euro inflitti, in Austria, ad una società che violava le prescrizioni in materia di videosroveglianza ai 400 mila euro irrogati ad una struttura ospedaliera per violazioni delle previsioni in materia di diritto d’accesso ai dati, passando per i 20 mila euro che un’azienda tedesca ha dovuto pagare perchè, dopo aver notificato un data breach, è emerso che non aveva adottato opportuni sistemi di cifratura di dati ritenuti particolarmente vulnerabili.

In Italia per ora vale l’adagio “niente nuove, buone nuove” ma presto il Garante si muoverà e, a quel punto, sarà opportuno non farsi sorprendere in condizioni di totale inadempienza (ossia aver adeguato, almeno in via essenziale, i propri processi e il proprio modello di privacy governance).

This entry was posted in News. Bookmark the permalink.